Principale architetturaWinchester Cathedral: la storia di una chiesa straordinaria e dei suoi contenuti sorprendenti

Winchester Cathedral: la storia di una chiesa straordinaria e dei suoi contenuti sorprendenti

Fig 3: Lady Chapel nella Cattedrale di Winchester: The Lady Chapel fu ampliata alla fine del XV secolo, arredata con bancarelle e decorata con narrazioni dipinte di miracoli. Credito: Paul Highnam / Country Life

Forse non esiste un edificio in Gran Bretagna che colleghi il visitatore moderno più immediatamente con le figure fondamentali della storia inglese. John Goodall spiega di più; fotografie di Paul Highnam.

Dall'esterno, la Cattedrale di Winchester è un edificio curiosamente poco dimostrativo. Adagiato sul fondo della valle del fiume Itchen e senza una grande guglia o torre, è solo occasionalmente intravisto anche dalla città stessa. Eppure è un posto sorprendente, pieno di storia e pieno di tesori. Dopo il completamento di un importante progetto di restauro, la sua pretesa di essere uno dei grandi edifici storici d'Europa non è mai stata più chiara.

Secondo la Cronaca anglosassone, la prima chiesa o chiesa di Winchester fu iniziata nel 648 dal re Cenwalh di Wessex. Si trovava nell'angolo sud-ovest di quelle che erano state le civitas romane murate di Venta Belgarum e probabilmente serviva un palazzo reale che si trovava accanto ad essa. Il re di Wessex si era convertito al cristianesimo nel 630, quando il re Cynegils fu battezzato da San Birinus a Dorchester-on-Thames, nell'Oxfordshire. Nel 660, la sede di San Birinus fu trasferita a Winchester dal vescovo Wine.

Visualizza questo post su Instagram

Bellissimo! Grazie a @ christopherking1635 per questa foto assolutamente sbalorditiva della Cattedrale al tramonto ???? #fotografia #fotografia #cathedrals #winchestercathedral #sunset #architettura #winchester #visitwinch

Un post condiviso da Winchester Cathedral (@winchestercathedral) il 24 settembre 2019 alle 9:45 PDT

Il più celebre successore di Wine come Vescovo di Winchester fu una figura chiamata Swithun. Non si sa molto di lui, ma fu consacrato nell'852 e, quando morì nell'863, fu sepolto in modo prominente all'esterno; la sua tomba giaceva tra la porta ovest della cattedrale e una torre di portone indipendente. Poco dopo, nell'871, Alfredo il Grande assunse il trono di Wessex e, nel corso del suo regno combattendo contro i danesi, notoriamente ebbe il controllo effettivo sull'Inghilterra nel suo insieme.

Winchester è stato trasformato fisicamente da questo successo. Alla fine del IX secolo, fu tracciato lo schema regolare della città moderna e la moglie di Alfred, Lady Ealhswith, stabilì una fondazione religiosa all'interno delle mura, Nunnaminster (in seguito Abbazia di Santa Maria).

Fico 8: La cripta allagata della cattedrale di Winchester. La cripta romanica con
Il suono II di Antony Gormley (1986) si riflette nell'acqua che inonda regolarmente lo spazio. © Alamy

Quando Alfred morì nell'899, fu sepolto nella chiesa di Winchester, che era ormai stabilmente stabilita come il principale luogo di sepoltura della linea reale del Wessex (e, d'ora in poi, dei re d'Inghilterra fino alla Conquista Normanna). Nel 901, tuttavia, suo figlio, Edward the Elder, costruì un nuovo minatore immediatamente accanto al vecchio e vi trasferì il corpo di suo padre. Accanto a fianco, il Vecchio e il Nuovo Minster ora si sono sviluppati in competizione tra loro.

Nel 964, in risposta alle riforme della chiesa del X secolo, il vescovo Aethelwold espulse i canoni secolari al servizio di entrambe le chiese dei minatori e installò al loro posto comunità di monaci benedettini. Il cambiamento con questo cambiamento fu il riconoscimento del vescovo Swithun come santo. Nel 971 fu aperta la tomba di Swithun e le sue ossa furono spostate in un reliquiario donato dal re Edgar all'altare maggiore della Vecchia Cattedrale, dove il suo santuario divenne un popolare oggetto di pellegrinaggio.

Il monaco Aelfric descrisse l'interno della chiesa nel 990 come "completamente sospeso intorno, da un'estremità all'altra e su entrambe le pareti con le stampelle e gli sgabelli degli storpi che erano stati guariti lì".

Il sito della tomba vuota è stato nobilitato da un'enorme torre, creando un edificio su una scala sorprendente anche in un contesto europeo. Frammenti di scultura, vetro e piastrelle smaltate dal suo interno opulento sopravvivono.

Accanto a questi cambiamenti, l'intero angolo sud-est della città cinta da mura era racchiuso come un recinto comprendente le due chiese di minatori con i loro edifici monastici, Nunnaminster, un palazzo reale e un palazzo episcopale su "Wulf's Island" o Wolvesey.

Fig. 2: La navata nella cattedrale di Winchester: la navata romanica, ristrutturata e con volta a crociera della fine del XIV secolo. La chiesa del vescovo Wykeham è visibile sulla destra. © Paul Highnam / Country Life

Quando Guglielmo il Conquistatore arrivò a Winchester nel novembre 1066, era la seconda città del suo regno e già il luogo di sepoltura di 17 re. Come a Westminster e Londra, William occupò il palazzo reale anglosassone, ma iniziò anche a costruire un castello. Nel 1070, nominò un ex canonico di Rouen, Walkelin, il primo vescovo normanno della sede. Nove anni dopo, nel 1079, iniziarono i lavori per quella che fu, in breve, la chiesa più lunga a nord delle Alpi - originariamente lunga 532 piedi - in un sito appena a sud della Vecchia Minster.

Le connessioni normanne del vescovo Walkelin sono chiaramente visibili nel trattamento tecnico e nella forma del nuovo edificio, forse progettato da un muratore chiamato William. Era disposto su una pianta a forma di croce con un'elevazione interna a tre piani: un portico a livello del suolo con una galleria e un clerestory sopra. Il coro dei monaci era sistemato sotto la torre di attraversamento e il braccio orientale dell'edificio era sollevato sopra una cripta (Fig. 8). Terminò dietro l'altare maggiore a semicerchio o abside sorretta da colonne circolari.

Mentre la Vecchia Cattedrale era stata disposta su un vero asse est-ovest, la nuova chiesa rispettava il piano stradale ereditato della città. La Vecchia Cattedrale rimase in uso fino a quando non furono completati i lavori al braccio orientale, all'incrocio e ai transetti. La costruzione fu sufficientemente avanzata per consentire ai monaci di entrare nel loro nuovo coro per la Pasqua del 1093 e, tre mesi dopo, il 15 luglio, il corpo di San Swithun fu trasferito sul nuovo altare maggiore. Né le altre ossa di re e vescovi furono dimenticate, come vedremo. Il giorno successivo, il vescovo ordinò la demolizione dell'antica cattedrale.

Fico 5: Presbiterio con cappelle laterali fiancheggianti nella Cattedrale di Winchester: Il retrochoir. Nel 1476, il reliquiario di San Swithun fu spostato dalla lontana piattaforma in muratura a un santuario situato tra le cappelle del cardinale Beaufort (a sinistra) e del vescovo Waynflete (a destra). Distrutta nel 1538, la sua posizione è oggi contrassegnata da una cornice di ferro con candele. © Paul Highnam / Country Life

I lavori verso le parti occidentali della chiesa di Walkelin probabilmente proseguirono nel 1120, ritardato dal crollo della torre centrale nel 1107 (una catastrofe vista da alcuni come un giudizio su William Rufus, che giaceva sepolto sotto di essa). Quando fu completato, anche New Minster era scomparso, il monastero si era trasferito a Hyde nel 1110. La cattedrale ora si trovava nel suo attuale isolamento.

Le disposizioni liturgiche della nuova cattedrale erano chiaramente modellate da quelle dell'antica cattedrale. Certamente, sembra possibile dedurre una disposizione simile di altari all'interno dei due edifici. Era presumibilmente anche per rispetto al suo predecessore, con la sua grande torre costruita sopra la tomba vuota di San Swithun, che la navata della chiesa normanna terminò anche in una vasta struttura occidentale. Questo sopravvisse fino al 14 ° secolo, quando fu demolito per creare l'attuale e più convenzionale fronte occidentale. Altrimenti, la grande chiesa di Walkelin sopravvive sostanzialmente nel tessuto dell'attuale edificio.

Fu probabilmente in seguito al ritorno del vescovo Enrico di Blois dall'esilio nel 1158 che il grande carattere del marmo Tournai fu installato nella sua posizione attuale nella navata. Più certamente, il vescovo Henry trasferì il reliquiario di San Swithun e le ossa dei primi re e vescovi di Wessex dal Vecchio Minster a una piattaforma elevata dietro l'altare maggiore. Un passaggio all'interno della piattaforma, entrato dalla navata laterale dell'abside, consentiva ai pellegrini di accedere alla piattaforma del santuario da sotto. Una riconfigurazione del XIV secolo di questo "buco sacro" sopravvive nella piattaforma dietro l'altare maggiore.

Fig. 6: L'altare maggiore (grande schermo) nella Cattedrale di Winchester: l'altare maggiore, probabilmente iniziato nel 1440 e restaurato nel 1885-1891, che originariamente presentava un retablo d'oro e d'argento e una scultura naturalistica di qualità superlativa. © Paul Highnam / Country Life

All'inizio del XIII secolo, fu iniziata un'estensione all'estremità orientale della chiesa del vescovo Walkelin, creando un ampio retrocoir dietro l'altare maggiore e allungando l'edificio a una spettacolare 591ft. Ancora una volta, fu conservato il precedente piano liturgico con tre cappelle orientali, tra cui la Cappella degli Angeli custodi decorata (Fig. 4) e una Cappella della signora centrale. La costruzione procedette da est a ovest, in modo che il nuovo interno potesse essere completato prima che i lavori di demolizione di collegamento avessero luogo. I lavori sono seguiti al rinnovamento del coro e delle sue bancarelle.

Nel 1350 circa l'attenzione si rivolse alla modernizzazione della navata. Questo lavoro fu iniziato con il patrocinio del vescovo Edington, nato sul luogo di una delle più grandi vittorie di re Alfredo. La parte del leone, tuttavia, fu intrapresa dal suo successore, il grande mecenate architettonico William of Wykeham, e dal suo maestro muratore William Wynford.

La navata di Walkelin era troppo monumentale per essere demolita facilmente, un problema abbastanza comune in Inghilterra, dove così tante grandi chiese erano state ricostruite su vasta scala dopo la conquista normanna. La risposta è stata quella di riassumere l'attuale elevazione a tre piani in un design a due piani completamente nuovo (Fig. 2). Nelle fasi iniziali dell'opera, i moli normanni furono ricostruiti con modanature gotiche. Ultimamente, questi sono stati semplicemente rivestiti con nuova muratura. Col tempo, sia Edington che Wykeham furono sepolti nella navata che trasformarono, all'interno di cappelle schermate (Fig. 1). Tali strutture sono state una nuova partenza nell'architettura inglese, consentendo ai muratori di dimostrare le loro abilità nel creare opere architettoniche in miniatura virtuosiche.

Il prossimo grande progetto fu l'ingrandimento del santuario di San Swithun. Fu probabilmente il cardinale Beaufort, uno dei prelati più ricchi della cristianità, a progettare un nuovo reredos dietro l'altare maggiore (Fig 6). Questo enorme schermo, che incorpora sculture altamente naturalistiche, nonché un retablo d'oro e d'argento, fu probabilmente iniziato nel 1440 e completato nel 1470 dal vescovo Waynflete. Le stupefacenti cappelle erette per entrambi gli uomini si trovano nelle vicinanze del retrochoir e, nel 1476, il santuario di San Swithun fu spostato tra di loro (Fig. 5). Probabilmente in relazione a ciò c'erano il riordino e la decorazione dell'adiacente Lady Chapel (Fig 3).

Fig. 4: Volta della cappella orientale a Winchester Cathdral: volta della Cappella degli angeli custodi con la sua decorazione del XIII secolo. © Paul Highnam / Country Life

Poco dopo, seguirono le ultime grandi opere medievali fino alla cattedrale, sotto la supervisione del vescovo Fox (1501–288). Con l'aiuto del muratore Thomas Bertie, ricostruì e volò le navate del coro e fece erigere un'alta volta in legno sopra il braccio orientale. Nel 1525, ha anche chiuso il coro con schermi. Le ossa di molti re e vescovi di Wessex erano allineate in cassapanche lungo la parte superiore di esse (Fig. 7). La sua superba chiesa, eretta nel 1513-18 nel retrochoir, incorpora una versione in miniatura dell'alta volta della cappella di San Giorgio, Windsor.

Nel 1538, tra la Riforma, il santuario di San Swithun fu demolito e, l'anno successivo, il priorato fu sciolto e sostituito da una fondazione collegiale. Nel 1554, la regina Maria sposò Filippo di Spagna nella cattedrale e quella che è stata identificata dal 17 ° secolo come la sedia con struttura a X che ha usato durante il giorno sopravvive (anche se ha bisogno di restauro). Il suo Lord Cancelliere, Stephen Gardiner, vescovo di Winchester, morì l'anno dopo e fu sepolto in una straordinaria cappella che incorporava dettagli classici nel retrochoir.

Il 17 ° secolo ha visto importanti cambiamenti all'interno, tra cui l'erezione di uno schermo di coro di Inigo Jones nel 1638–39 e la distruzione di gran parte del vetro e delle immagini medievali da parte dei soldati parlamentari nel dicembre 1642. Nel 18 ° secolo, molti visitatori hanno commentato abbandono della cattedrale e della città; Daniel Defoe descrisse quest'ultimo nel 1724 circa come "un luogo di non commercio ... nessuna fabbricazione, nessuna navigazione".

Importanti restauri seguirono all'inizio del XIX secolo sotto la direzione dell'architetto William Garbett e poi di John Nash. Molti visitatori oggi vengono a vedere la tomba di Jane Austen, che fu discretamente sepolta nella navata della navata nord nel 1817. All'inizio del XX secolo, le basi medievali della cattedrale iniziarono a fallire, dopo che l'architetto TG Jackson e l'ingegnere Francis Fox supervisionarono il fondamento di gran parte della struttura tra il 1905 e il 1912. Nell'ambito di questo lavoro, il sub William Walker lavorò notoriamente sott'acqua per creare nuove fondamenta concrete per il retrochoir e poi gran parte del resto della cattedrale.

Fig 1: I reredos della chiesa del vescovo Wykeham. La sua scultura del 1897 di Sir George Frampton è ammirata da tre minuscole figure in preghiera, restaurate per assomigliare ai monaci, sulla tomba del vescovo in basso. © Paul Highnam / Country Life

Ora, l'edificio è appena emerso da un altro importante progetto di restauro, supervisionato dall'attuale architetto della cattedrale Nick Cox. Come parte del lavoro, e con l'aiuto di una sovvenzione da £ 11, 2 milioni del National Lottery Heritage Fund, nel transetto sud è stato creato uno spazio museale di tre piani. La mostra "Kings and Scribes: The Birth of a Nation", inaugurata a maggio, presenta la storia dell'edificio e presenta alcuni dei più grandi tesori della cattedrale, tra cui la Bibbia di Winchester, oltre a dare accesso al Morley del XVII secolo Biblioteca.

C'è anche una mostra sull'esame tecnico delle ossa delle casse funerarie del XVI secolo da parte di una squadra dell'Università di Bristol. Lavorando su oltre 1.300 ossa, gli esperti sono stati in grado di registrare almeno 23 scheletri parziali. Sorprendentemente, dato il loro trattamento approssimativo (nel 1642, si dice che le truppe parlamentari li abbiano gettati attorno all'edificio), le analisi scientifiche mostrano che avrebbero potuto plausibilmente appartenere ai vescovi e ai re di Wessex.

Fig 7: navata nord verso la cappella nord-est, Cattedrale di Winchester: le navate del presbiterio. Gli schermi del coro di Thomas Bertie sono datati 1525 e sono sormontati da sei casse mortuarie. © Paul Highnam / Country Life

Incluso nella collezione e replicato nella mostra c'è uno scheletro femminile, probabilmente quello di Emma di Normandia, regina dei re Ethelred e Cnut, e la donna attraverso la quale Guglielmo il Conquistatore reclamò il trono inglese. È un incontro sbalorditivo per un visitatore moderno in un edificio che trasmette in modo così potente nell'architettura l'effetto trasformativo della sua invasione dell'Inghilterra quasi 1.000 anni fa.

Ringraziamenti: John Crook


Categoria:
Diamo un'occhiata al Norfolk terrier, il cane che non può fare a meno di tirarti su il morale
Alan Titchmarsh: Le mie galline sono sceme, stupide, egoiste e prepotenti - ma non sarei senza di loro