Principale naturaWildlife Photographer of the Year: 13 magnifiche immagini e le storie dietro di loro

Wildlife Photographer of the Year: 13 magnifiche immagini e le storie dietro di loro

  • fotografia
  • La migliore storia

Le storie alla base di queste foto selezionate dall'amatissimo concorso Wildlife Photographer of the Year del Museo di storia naturale sono affascinanti quanto le immagini stesse.

La competizione dura da oltre mezzo secolo, con questo 53 ° anno. Il concorso ha attirato quasi 50.000 partecipanti da professionisti e dilettanti in tutto il mondo, con immagini provenienti da 92 paesi diversi.

Le foto selezionate saranno esposte alla mostra nel museo di Kensington a partire dal 20 ottobre (durerà fino alla prossima primavera - è possibile prenotare i biglietti qui), ma i vincitori della categoria e il premio generale saranno annunciati tre giorni prima, a ottobre 17.

E se hai perso la scadenza per presentare la tua iscrizione quest'anno, non dovrai aspettare molto per entrare nella 54esima edizione del concorso: le nuove iscrizioni saranno accettate a partire dal 23 ottobre. Vedi www.nhm.ac.uk/ visita / wpy / competition.html per maggiori dettagli.


Surfista delle acque reflue di Justin Hofman

© Justin Hofman

"Questo minuscolo cavalluccio marino è andato alla deriva attraverso il nostro sito per lo snorkeling insieme a una zattera di immondizia, specialmente pezzi di plastica", dice Justin. "È stata una scena straziante che ha riassunto perfettamente la mia esperienza in Indonesia."

Mentre Justin, il cavalluccio marino e il batuffolo di cotone roteavano insieme attraverso l'oceano, le onde schizzarono nello snorkel di Justin. Il giorno dopo si ammalò.

L'Indonesia ha i più alti livelli di biodiversità marina al mondo, ma è seconda solo alla Cina come contribuente ai detriti di plastica marini: si prevede che i detriti supereranno i pesci nell'oceano entro il 2050. L'Indonesia si è impegnata a ridurre del 70% la quantità di rifiuti in cui scarica l'oceano.


Bold Eagle di Klaus Nigge

Aquila audace © Klaus Nigge - Fotografo naturalista dell'anno

"Mentre l'aquila si avvicinava, raccogliendo frammenti, ho abbassato la testa", dice Klaus, "guardando attraverso la telecamera per evitare il contatto visivo diretto". Si avvicinò così tanto che torreggiò su di lui. La sua prospettiva bassa e la composizione semplice, che consente la piena concentrazione sull'espressione dell'aquila, ha creato un ritratto intimo, arricchito dalla luce nuvolosa della giornata piovosa.


Salvato ma messo in gabbia da Steve Winter

© Steve Winter

Una zampa posteriore di questo cucciolo di tigre di Sumatra di sei mesi era così gravemente rovinata da un laccio che doveva essere amputata. Fu fortunato a sopravvivere del tutto, essendo stato intrappolato per quattro giorni prima di essere scoperto in una foresta pluviale nella provincia di Aceh sull'isola indonesiana di Sumatra.

Questo cucciolo di tigre ha subito un intervento chirurgico quando la sua foto è stata scattata da Steve Winter. La tigre masticò la sua fasciatura originale e quindi dovettero ripulire la ferita e ricucirla.


Il potere della matriarca di David Lloyd

© David Lloyd

Al crepuscolo, nella riserva nazionale Maasai Mara del Kenya, David ha aspettato che un branco di elefanti durante il loro trekking serale raggiungesse una pozza d'acqua. Mentre si avvicinavano al suo veicolo, vide che la luce soffusa del sole che tramontava rapidamente enfatizzava tutte le rughe e i capelli.

Per un fotografo che ama lavorare con la trama, questo è stato un regalo. Il suo sguardo era, dice, pieno di rispetto e intelligenza - l'essenza della sensibilità.


Pausa invernale di Mats Andersson

© Mats Andersson

Mats cammina ogni giorno nella foresta vicino a casa sua nella Svezia meridionale, spesso fermandosi a guardare gli scoiattoli che si nutrono degli abeti rossi. In questa fredda mattina di febbraio, il comportamento dello scoiattolo incapsulò lo spirito dell'inverno, catturato da Mats usando il grano leggero del bianco e nero.


Saguaro twist di Jack Dykinga

© Jack Dykinga

Una banda di antichi giganti comanda l'ampio paesaggio arido del monumento nazionale del deserto di Sonoran in Arizona negli Stati Uniti. Questi emblematici cactus saguaro - fino a 200 anni di età - possono torreggiare a più di 12 metri (40 piedi) ma sono molto lenti a crescere, alcuni germogli che si estendono verso l'alto mentre maturano.

Una vita di ricerche sulle vittime vicino alla sua casa nel deserto ha portato Jack a conoscerne diverse che promettevano interessanti composizioni. "Questo mi ha permesso di entrare nei suoi arti", dice. Mentre la delicata luce dell'alba inondava la forma contorta del saguaro, l'ampio angolo di Jack rivelava le sue braccia solcate, incorniciando perfettamente i suoi vicini davanti alle distanti Sand Tank Mountains.


Abbraccio di orsi di Ashleigh Scully

© Ashleigh Scully

"L'estate scorsa ho visitato il Parco Nazionale del Lago Clark, in Alaska, per fotografare gli orsi bruni dell'Alaska", afferma Ashleigh, che è selezionato per la categoria 11-14 anni. 'Dopo aver fotografato alcuni orsi grizzly distanti nel Wyoming in precedenza, ero ansioso di osservare questi orsi più da vicino e volevo disperatamente una finestra sul loro comportamento familiare.

'Ho avuto la fortuna di guardare due scrofe separate di orsi bruni con cuccioli di primavera. Li ho visti cercare erba di carice nei prati, foraggio per le vongole sulla spiaggia durante la bassa marea, dormire ai margini della foresta e, soprattutto, giocare. I cuccioli di primavera erano pieni di energia. Questa madre, in particolare, era estremamente paziente con i suoi cuccioli mentre si scatenavano e cercavano di attirare la sua attenzione. Questo giovane cucciolo sembrava pensare che fosse abbastanza grande da lottare con la mamma sulla sabbia. Nonostante tutti i suoi sforzi, la mamma rimase ferma, ma lo fece con un sorriso.

"Sono sicuro che fosse felice di sapere che questo cucciolo era un combattente, in quanto questo atteggiamento avrebbe servito bene il cucciolo mentre imparava a sopravvivere lungo la costa d'Alasca."


Romanticismo tra gli angeli di Andrey Narchuk

© Andrey Narchuk

Andrey era in spedizione nel Mare di Okhotsk nell'Estremo Oriente russo e la sua intenzione in questo giorno era quella di fotografare il salmone. Ma non appena saltò in acqua, si ritrovò circondato da migliaia di angeli marini accoppiati, ciascuno lungo circa un pollice.

Uno è leggermente più piccolo dell'altro, come è stato il caso della maggior parte delle coppie osservate da Andrey, e sono rimaste unite per 20 minuti. Entrambi avrebbero continuato a deporre 30-40 piccole uova dopo la fecondazione. Andrey dovette lottare contro forti correnti ed evitare un muro di reti da imbrocco, e quando fu spazzato via dalla rete e il suo equipaggiamento si impadronì, fu costretto a fare una risalita di emergenza - ma non prima di aver sparato. Il giorno seguente, non c'era un solo angelo da vedere.


Consegna splendente da parte di Tyohar Kastiel

Consegna splendente © Tyohar Kastiel

Tyohar osservò la coppia di quetzal splendenti dall'alba al tramonto per più di una settimana mentre consegnavano frutta e qualche insetto o lucertola ai loro due pulcini. I quetzal splendenti di solito nidificano in una foresta più fitta, ma questa coppia aveva raccolto un albero in un'area parzialmente isolata nella foresta pluviale costaricana di San Gerardo de Dota.


Tesoro artico di Sergey Gorshkov

© Sergey Gorshkov

Trasportando il suo trofeo da un'incursione su un nido di oca delle nevi, una volpe artica si dirige verso un luogo di sepoltura adatto. Questo è giugno e tempo di bonanza per le volpi dell'isola di Wrangel nell'Estremo Oriente russo. I lemmi sono la dieta di base per le volpi artiche, ma Wrangel subisce inverni lunghi e rigidi ed è legato al ghiaccio per gran parte dell'anno, rendendolo una fonte permanente di cibo immagazzinato per questi animali opportunisti.


Gli addetti ai lavori di Qing Lin

Gli addetti ai lavori © Qing Lin

Le punte bulbose dei tentacoli del magnifico anemone dal nome appropriato contengono cellule che pungono la maggior parte dei pesci. Ma il pesce pagliaccio anemone rimane illeso grazie al muco secreto sulla sua pelle, che induce l'anemone a pensare che si stia sfiorando.

Mentre si immergeva nello stretto di Lembeh nel Nord Sulawesi, in Indonesia, Qing notò qualcosa di strano in questo particolare gruppo di conviventi. Ogni anemonefish aveva un paio di occhi in più nella sua bocca - quelli di un isopode parassita (un crostaceo legato a Woodlice).

Con grande pazienza e un po 'di fortuna - il pesce sfrecciò imprevedibilmente - Qing catturò questi tre individui piuttosto curiosi momentaneamente allineati, con gli occhi davanti, la bocca aperta e i parassiti che sbirciavano.


Palestra da nuoto di Laurent Ballesta

Palestra di nuoto © Laurent Ballesta

"Eravamo ancora a pochi metri dalla superficie, quando ho sentito degli strani rumori", dice Laurent. Sospettando i sigilli Weddell - noti per il loro repertorio di almeno 34 diversi tipi di chiamate subacquee - si avvicinò lentamente.

La coppia, infastidita dalla presenza di Laurent, scivolò senza sforzo tra le lenzuola del labirinto ghiacciato. "Sembravano così a proprio agio, dove mi sentivo così inappropriato", dice Laurent. Facendo affidamento sulla luce attraverso il ghiaccio sopra, catturò lo sguardo curioso del cucciolo, l'arco del suo corpo rispecchiava quello della sua madre vigile.


Scorcio di una lince di Laura Albiac Vilas

Scorcio di una lince © Laura Albiac Vilas

Laura - selezionata nella categoria 11-14 anni - aveva visto molti degli animali selvatici spagnoli, ma mai l'illusiva lince iberica, un gatto in via di estinzione trovato solo in due piccole popolazioni nel sud della Spagna.

La famiglia di Laura ha viaggiato fino al Parco Naturale della Sierra de Andújar alla ricerca della lince - ed è stata fortunata il secondo giorno - una coppia si stava rilassando non lontano dalla strada. Lì c'erano molti fotografi ma un'atmosfera di "rispetto". Laura guardò per un'ora e mezza, l'unico suono era il ronzio delle telecamere se un gatto guardava nella loro direzione. L'atteggiamento degli "animali" mi ha sorpreso. Non avevano paura delle persone - ci hanno semplicemente ignorato ", dice Laura. "Mi sono sentito così emozionato di essere così vicino a loro."


Categoria:
Una "casa delle bambole" della vita reale del 17 ° secolo che è passata dall'essere abbordata e piena di marciume per diventare un'immagine di perfezione
In primo piano: lo straordinario ritratto di Leonessa Carrington di Max Ernst, il pioniere surrealista che ha ispirato Dalí