Principale giardiniIl coraggioso giardiniere dilettante che ha creato "agrifoglio blu" e ha generato una tendenza che allunga il mondo

Il coraggioso giardiniere dilettante che ha creato "agrifoglio blu" e ha generato una tendenza che allunga il mondo

Ilex x meserveae, alias Blue Princess Holly. Credito: Alamy Stock Photo

"Non avevo idea di cosa si potesse e non si potesse fare, quindi l'ho fatto", ha detto l'americano che ha allevato l'agrifoglio per sopravvivere a inverni rigidi a Long Island. Mark Griffiths spiega.

Non molto tempo dopo la seconda guerra mondiale, Kathleen Meserve si trasferì con marito e figli in una proprietà di 10 acri a St James, Long Island, negli Stati Uniti. Per un Manhattanite, ha preso alla vita di campagna con notevole gusto, e soprattutto al giardinaggio. Stava andando piuttosto bene, fino a quando non ha incontrato un problema.

In città, aveva l'abitudine di comprare steli di agrifoglio inglese (Ilex aquifolium) per ghirlande natalizie e decorazioni per la tavola. Con terra ora a sua disposizione, iniziò a coltivare la propria, solo per scoprire che era bruciata o uccisa dagli inverni feroci di New York. I rametti che acquistava non erano stati coltivati ​​localmente, ma sulla mite costa occidentale e quindi inviati a Manhattan.

Meserve si rifiutò di essere picchiato o di approvare qualsiasi alternativa. Fu così che, poco più che quarantenne, questa novizia orticola, che aveva visto per l'ultima volta un libro di testo di botanica in quinta elementare (10 o 11 anni), si lanciò nell'allevamento di un agrifoglio inglese a prova di freddo. Ha colpito la brillante idea di ibridare Ilex aquifolium con I. rugosa, una specie a bassa crescita e ad alta resistenza dal nord del Giappone.

In poco tempo, stava nutrendo uno sciame di piantine sul davanzale della cucina. Sebbene, nella maturità, queste piante si siano dimostrate sufficientemente reminiscenti di agrifoglio inglese per soddisfarla, differivano da essa per aspetti significativi e positivi: compatta, arbustiva, dalle foglie piccole, dal gambo marrone e sproporzionatamente ricca di bacche. Non solo erano completamente resistenti, ma il freddo aumentava il loro fascino trasformando temporaneamente il fogliame in un verde mare profondo e brillante accentuato dal viola.

Blue Princess Holly.

Per il loro creatore, queste tonalità apparivano blu, da cui i nomi di molte cultivar che ha selezionato dalla sua covata ibrida. Due dei primi furono Blue Girl e Blue Boy, entrambi introdotti nel 1964. Seguirono, tra gli altri, Blue Prince e Blue Princess (1973), Blue Stallion, Blue Maid e Blue Angel.

I nomi trasmettono anche il genere di ogni cultivar: informazioni vitali se si desidera bacche. Sono le femmine (come Blue Girl) che producono frutta, ma solo se impollinate da un maschio vicino. Quell'impollinatore può essere il beau inteso originale della femmina (Blue Boy for Blue Girl) o Blue Stallion, che, fedele al suo nome, è un perno a tutto tondo dalle prestazioni elevate, o persino una pianta maschile di Ilex aquifolium.

Negli anni '70, gli orticoltori negli Stati Uniti erano in fermento con i Blue Hollies, come chiamavano questo nuovo gruppo ibrido. Anche i botanici hanno dato alla croce un nome, Ilex x meserveae, in onore del suo generatore. "Non sapere cosa stavo facendo era un vantaggio", ha ricordato. 'Soprattutto all'inizio. Non sapevo cosa si potesse fare e cosa no. Quindi l'ho appena fatto. '

Era più consapevole dello sfruttamento commerciale del suo lavoro, brevettando le cultivar, coltivando e vendendo piante e concedendole la licenza per la propagazione e la vendita da parte di altri. Le era costato $ 15 per realizzare l'ibrido originale. Dalla sua progenie, ha guadagnato abbastanza per sostenere il suo lavoro e la tenuta della famiglia Long Island, che è stata debitamente ribattezzata Holly-by-Golly.

'Questa bellissima cultivar si erge come testamento e coda della sua instancabile creatività'

Mentre i giardinieri britannici erano soliti aggrottare le sopracciglia su queste leghe americane del nostro agrifoglio nativo, le abbiamo abbracciate di recente. In vaso e addestrato come standard con una sfera di verde in cima a uno stelo a forma di albero, le piante piene di bacche di Blue Maid e altre cultivar femminili stanno diventando un alimento base di Natale. Eppure questi incroci non sono solo per Natale. Né sono semplicemente aspiranti: la loro modesta statura e le foglie piccole ma sorprendenti presentano possibilità che nessun agrifoglio inglese a sangue puro potrebbe.

Potati in palle, coni, siepi e standard, sono ideali per schemi formali. Risparmiato le cesoie, sono superbe nei bordi invernali. Nel nostro, il gelo dipinge il fogliame di Blue Angel con prugne scure lucide, una lamina meravigliosa non solo per i suoi frutti di bosco, ma anche per bucaneve, elleboro e cornioli.

Una recente introduzione, Little Rascal, è preziosa per i giardini giapponesi e minimalisti. Rafforzare un masso in ghiaia o ammorbidire il modernismo dai bordi taglienti, questa sfera di smeraldo e bronzo è la perfezione.

Meserve era destinato a Ilex x meserveae, giustamente salutato come uno dei più audaci pensatori del cielo blu dell'allevamento di piante. Tuttavia, non era il suo unico grande ibrido. Ha attraversato il I. centrochinensis cinese con il suo amato agrifoglio inglese e, dalla loro discendenza, ha selezionato Centennial Girl negli anni '90.

Un'alta piramide di verde malachite addobbata con bacche di lacca rossa, questa bella cultivar si erge come testamento e coda della sua instancabile creatività. Ha ottenuto un brevetto per questo nel gennaio 1999. Quattro mesi dopo, è morta, all'età di 93 anni. 


Categoria:
Chalet Hibou, Le Mirior: Il massimo dello sci-chic, progettato per farti dire "è stato il giorno più bello della mia vita"
Il meglio delle offerte del Black Friday: dalle borse al caffè, dagli scooter alle vacanze alle Maldive