Principale naturaMoss: le piante di 350 milioni di anni che trasformano gli sgradevoli "in cose radiose di bellezza"

Moss: le piante di 350 milioni di anni che trasformano gli sgradevoli "in cose radiose di bellezza"

Il misterioso Wistman's Wood, un antico bosco di quercia peduncolata stentata in alto sulla brughiera di Dartmoor, il Parco Nazionale di Dartmoor. Credito: Alamy

Il muschio è affascinante, antico e bizzarro e cresce così lentamente - un pollice per quarto di secolo - da far sembrare i ghiacciai positivamente veloci. Ian Morton scopre di più.

Non ha radici, fiori, semi, sistema vascolare e un bizzarro ciclo riproduttivo. Aggiunge un'impiallacciatura pittoresca alla pietra friabile vecchia, copre i pavimenti dei boschi in decomposizione, dichiara l'umidità e il decadimento e ha modificato e turbato la nostra immaginazione per secoli.

Shakespeare non trovò gioia in esso, scrivendo di "una quercia, i cui rami erano coperti di muschio con l'età", "muschio sfocato" su una tomba, "muschio ozioso" come cifra di infedeltà e, soprattutto, "alberi, sebbene estate, ma abbandonata e magra sopraffatta da muschio e vischio volgare '.

Keats, tuttavia, offrì alla sua amata "un letto di muschi e fiori per attutire la testa". Nella loro casa in Cumbria, Dove Cottage, William Wordsworth e sua sorella Dorothy, hanno ricreato una capanna ricoperta di muschio che avevano incontrato in Scozia. È diventato il loro rifugio e ricostruirlo fa parte di un progetto Reimagining Wordsworth in occasione del 250 ° anniversario della nascita del poeta il prossimo aprile.

Gli scribi americani, in particolare, hanno risposto al muschio. Emerson dichiarò che "Dio riappare con tutte le sue parti in ogni muschio e ragnatela". Thoreau scoprì che "con la mediazione di mille piccoli muschi e funghi, gli oggetti più sgradevoli diventano radiosi di bellezza". La romanziera Elizabeth Gilbert descrisse "una foresta grande e minuscola, umida, ricca e antica ... freneticamente verde".

Foglie di quercia gialla su un muschio coperto di rami di quercia vecchia con rami contorti che portano in lontananza. Scattata nel ruscello Burbage nel Peak District, Derbyshire.

Il professore di ecologia Robin Wall Kimmerer (di cui più avanti) ha rilevato "un'antica conversazione tra muschio e rocce ... un'interfaccia di immensità e minuzia, di passato e presente, morbidezza e durezza, quiete e vivacità".

I muschi sono qui da circa 350 milioni di anni, con tracce sopravvissute negli strati tardo-visea nella Germania orientale. In tutto il mondo sono state identificate circa 20.000 specie, la più diffusa è il muschio di sfagno, il principale costituente della torba e si presenta in circa 380 varietà. Da tempo considerato una fonte di combustibile - sebbene si sia scoperto che la torba emette più anidride carbonica rispetto al carbone o al gas naturale - le torbiere che lo immagazzinano coprono 1, 2 milioni di miglia quadrate (2% della massa terrestre globale), attestando la sua abbondanza storica.

Classificato oggi come combustibile fossile 'lentamente rinnovabile', il muschio aumenta di un centimetro la crescita in 25 anni. Il suo processo riproduttivo è insolito per le piante e si verifica solo nei musi briofiti e negli epatici, che si sviluppano sia in forma di sesso singolo che bisessuale.

L'elemento maschile in una pianta matura, una struttura priapica di antheridium, produce più spermatozoi, che usano l'umidità disponibile per nuotare per mezzo di filamenti a forma di frusta alla ricerca di un'archegonia femmina, un tubo a forma di pallone contenente un singolo uovo.

Queste minuscole strutture sono state identificate e illustrate in The Vegetable Kingdom dal botanico vittoriano John Lindley, meglio ricordato per aver salvato i giardini di Kew dalla distruzione politica miope e per aver respinto la rovina finanziaria di fronte alla RHS.

Chiuda in su dei muschi che crescono su una filiale di albero in legno di Wistmans, Devon.

Il muschio può diventare così fradicio da essere praticamente anfibio e si pensa che sia una delle prime piante ad aver lasciato le acque primordiali per stabilirsi sulla terra. Tutto tranne il 10% delle sue cellule muore per assorbire l'umidità fino a 22 volte il loro peso a secco, fornendo il percorso di riproduzione, ma creando gli insidiosi strati paludosi sopra i depositi di torba dove i composti fenolici fungono da conservante abbronzante.

Con l'esclusione dell'ossigeno e un clima freddo, questo ambiente rappresenta i molti corpi intatti di torbiere umane, il più famoso dei quali è Tollund Man, uno dei più di 500 trovati in Danimarca, Svezia, Germania e Olanda - il più antico risalente a 8000 avanti Cristo. Circa 30 sono emersi in torbiere in Gran Bretagna e Irlanda e diverse centinaia sono emerse in Florida, risalenti al 6.000 a.C.

Un'altra sopravvivenza, Ötzi, scoperta nel ghiaccio alpino svizzero nel 1991 e risalente al 3.300 a.C., ha dimostrato che il muschio ha avuto un ruolo nella vita del primo uomo. Le sue scarpe contenevano muschio mentre nell'intestino venivano rilevati frammenti di sei diversi muschi. Gli esperti forensi pensano che sarebbero stati ingeriti accidentalmente in acqua potabile o trasferiti in bocca quando venivano impiegati come medicazione per una mano ferita, una pratica palliativa diffusa.

Le tribù nordamericane lo usavano e la medicina popolare medievale europea sosteneva che, se dispensato da un teschio umano, era particolarmente potente nel provocare sanguinamento e nel trattamento di mal di testa e punture di insetti. Il muschio prelevato dalle pietre tombali veniva trasportato per scongiurare l'ague e i reumatismi. I coloni tedeschi in Pennsylvania mescolarono muschio con infusi di calendula per curare il vomito. Sul fronte pratico, il muschio era infilato tra i tronchi delle cabine dei pionieri per sigillare le pareti.

Moss ha anche una lunga storia militare. L'irlandese celtico lo applicò per combattere le ferite e fu usato in modo simile nelle guerre napoleoniche e franco-prussiane. Nel 1915, sapendo che il muschio stava avvantaggiando i feriti tedeschi durante la prima guerra mondiale, il botanico Isaac Balfour e il chirurgo militare Charles Cathcart identificarono due specie di sfagno, Sphagnum papillosum e S. palustre, entrambi abbondanti in Gran Bretagna, come risposta al tempo di guerra carenza di cotone per bende.

Il muschio copriva alberi in nebbioso legno di Bellever, Dartmoor.

Il muschio come semplice medicazione antisettica che assorbiva anche grandi quantità di sangue, pus e fluidi tossici è stato sostituito con acido carbolico, formaldeide e cloruro di mercurio come agenti detergenti e disinfettanti. È stato accreditato di aver salvato migliaia di vite.

La scienza alla base di ciò è stata rivelata in una pubblicazione del 2003 del Prof. Wall Kimmerer della State University di New York, in uno studio sulle proprietà medicinali del muschio perseguito come espressione della sua eredità come membro del clan Bear della nazione Potawatomi.

Ha determinato che le pareti cellulari del muschio contengono molecole di zucchero per creare un alone elettrochimico caricato negativamente. Questo attira ioni nutritivi di potassio, sodio e calcio e la pianta rilascia ioni acidi carichi positivamente per creare un ambiente sterile che inibisce la crescita dei batteri.

Il suo microscopio ha rivelato che "un grammo di muschio dal suolo della foresta ... ospiterebbe 150.000 protozoi, 132.000 tardigradi, 3.000 trampolini, 800 rotiferi, 500 nematodi, 400 acari e 200 larve di mosca ... la sorprendente quantità di vita in una manciata di muschio".

I cupi piani forestali del Nord Europa generarono ovviamente superstizioni. Erano il dominio tradizionale del popolo muschio, sprite di legno rivestite di verde di aspetto invecchiato e temperamento incerto notato per la prima volta nel folklore tedesco e scandinavo dallo storico romano-gotico Jordanes nel 6 ° secolo. Queste persone muschio rimasero salde nella superstizione medievale, quando la gente non si sentiva mai a proprio agio mentre la notte scendeva nella campagna frusciante e scricchiolante. Presero sostanza letteraria nei racconti dei fratelli Grimm, pubblicati nel 1812, che incoraggiarono un genere gotico e, a tempo debito, furono considerati da WH Auden come un'opera fondante della cultura occidentale.

Gli esseri verdeggianti presi in prestito dall'uomo, a volte chiedendo aiuto, si offendevano facilmente - ma rimborsavano sempre favori con pane o buoni consigli - imploravano il latte materno e potevano rubare un bambino piccolo. Le femmine potevano sia chiamare che bandire la peste.

La manifestazione più recente della gente muschiata, bizzarra piuttosto che formidabile, è opera dello scultore finlandese Kim Simonsson, che copre argilla di gres e figure dipinte in nylon verde brillante usando una tecnica di floccaggio elettrostatico sviluppata in vetreria. Collocati in un ambiente boschivo, offrono un legame unico di folklore e tecnologia e una magica evocazione di cui Jacob e Wilhelm Grimm avrebbero sicuramente approvato.

Visualizza questo post su Instagram

#campfire #kimsimonsson #galerienilssonetchiglien #contemporaryart #scultura #galerienec #art #ceramics #settingupexhibition

Un post condiviso da @ kimsimonsson il 13 marzo 2019 alle 10:35 PDT

Sebbene la maggior parte degli europei si rammarica della presenza invasiva di muschio in confini ben ordinati e in erba da diporto, il muschio è venerato in Giappone, che ospita circa 2.500 varietà. Nei giardini tradizionali, i muschi e i tappeti di muschio dalle linee morbide sono curati da assistenti con spazzole, che rimuovono eventuali lamine graminose.

Il muschio compare anche nell'inno nazionale giapponese, Kimigayo, scritto nel IX secolo: possa il regno dell'imperatore continuare per migliaia di anni "fino a quando i ciottoli si trasformano in massi rigogliosi di muschio". La pubblicazione del 2011 di Mosses, My Dear Friends di Hisako Fujii ha rafforzato l'apprezzamento nazionale del simbolismo della pianta di pazienza e resistenza e della cultura della convivenza con la Natura, ispirando i gruppi a cercare luoghi selvaggi e muschiosi.

Questo apprezzamento per i muschi è mondiale, focalizzato nel Regno Unito dalla British Bryological Society - i giardini di muschio sono stati coltivati ​​da devoti da Windy Hall in Cumbria a St Mawgan in Cornovaglia. Quest'anno un giardino di muschio giapponese è stato esposto al Chelsea.

Amata da fioristi e coltivatori di terrari, la coltivazione di muschio indoor contribuisce positivamente alla purezza dell'aria. Test in Giappone indicano che il muschio assorbe l'umidità atmosferica quando supera i 17 g per metro cubo e lo rilascia quando scende al di sotto di 12 g, mantenendo l'umidità ambiente tra il 40% e il 60%.

L'arte muschio per interni è diventata commercialmente disponibile in letti orizzontali e come elementi murali incorniciati. Questi appaiono alla moda nelle aree pubbliche di alcuni locali commerciali, proiettando un messaggio fresco ed ecologico.

Tuttavia, una varietà, Schistostega pennata, non può essere gestita. Trovato attraverso l'emisfero nord, si nasconde negli angoli naturali dove la luce penetra solo debolmente, riflettendo un bagliore verde-oro. L'Hokkaido ha una grotta famosa per l'effetto.

Il fortunato briologo può rilevarlo negli angoli crepuscolari, come ingressi di tane di animali e radici di alberi spinosi. Ha dato origine a una leggenda sugli gnomi che attirano gli avidi umani a rubare "l'oro dei goblin", solo per scoprire che si trasforma in terra alla luce del giorno. Lo scienziato poetico Prof Wall Kimmerer ha ammirato il modo in cui le sue cellule angolate e le sue sfaccettature interne "fanno brillare come le piccole luci di una città lontana".

Lo sfagno umile può anche generare il suo fenomeno luminescente, noto come fosforizzante, quando i gas generati dalla decomposizione si accendono spontaneamente sopra il terreno paludoso, sostenendo la Volontà del Fiocco delle tradizioni popolari e noto ai nostri antenati come ignis fatuus - fuoco sciocco. Coloro che si sono sbagliati nel perseguirlo hanno rischiato di diventare i corpi delle paludi del futuro.


Categoria:
Il modellista: "È stato il lavoro della mia vita - non cambierei nulla per il piacere che mi dà"
Norfolk House: il perduto palazzo londinese che fu raso al suolo, ricreato 80 anni dopo