Principale interniMeet the Beadles: la secolare forza di polizia privata a Burlington Arcade, il centro commerciale più veloce del mondo

Meet the Beadles: la secolare forza di polizia privata a Burlington Arcade, il centro commerciale più veloce del mondo

Beadles a Burlington Arcade, Piccadilly. Credito: Richard Cannon / Country Life
  • Tesoro nazionale vivente

Questa settimana ha segnato il 200 ° compleanno del Burlington Arcade di Londra. Adam Hay-Nicholls va sotto copertura con i Beadles, la sua forza di polizia privata. Con fotografie di Richard Cannon.

Con i fari che lampeggiavano e il clacson che suonava, un salone Jaguar Mark X blu scuro strappò il Burlington Arcade. A metà strada lungo questo corridoio di vendita al dettaglio Mayfair per soli pedoni, l'auto si fermò di colpo. Scoppiarono cinque uomini mascherati che brandivano mazze e sbarre di ferro. Mentre gli acquirenti si disperdevano, i banditi hanno sfondato le finestre della Goldsmiths and Silversmiths Association e si sono sbarazzati di un'enorme quantità di gioielli.

Sabato 27 giugno 1964, fu un giorno nero nella storia di 200 anni di Burlington Beadles, la squadra di sicurezza privata del portico. Grandi dissuasori e cancelli ora proteggono contro ram-ram e monitor CCTV ogni angolo e fessura 24 ore al giorno, ma i Beadles rimangono nei loro cappotti vittoriani. Costituiscono la forza di polizia più piccola e antica del mondo.

Beadles a Burlington Arcade, Piccadilly. © Richard Cannon / Country Life

Mark Lord, 54 anni, è il capo Beadle oggi. Quando non è a pattuglia a piedi con gli altri sette Beadles, viene trovato sottoterra - passando attraverso una porta non contrassegnata all'estremità di Piccadilly del portico e giù per le scale ripide e strette fino a un corridoio che, nel 19 ° secolo, avrebbe visto dozzine di Oliver Twists che corre veloce con i pacchi.

"È l'antecedente al centro commerciale, anche se, avverte il capo Beadle, 'alcuni elementi della società londinese ti cacceranno e ti offenderanno per aver detto che'"

Una porta a destra si apre in una piccola stanza di sicurezza grigia. Lord Lord si appoggia alla sua sedia da ufficio mentre osserva 23 telecamere su una banca di schermi di computer.

In origine, c'era una poltrona alle due estremità del portico dove un Beadle si sedeva e decideva chi poteva entrare. Opportunamente, il signor Lord ha l'aria di un allegro buttafuori dell'East End. Dice che la divisa da Savile Row - progettata come un amalgama di un soldato e un footman - fa sentire i Beadles alti 10 piedi, anche se mio padre mi ha avvertito quando ho preso il lavoro che mi assomiglierei a un bottone di cioccolato '.

L'uniforme di Beadles è intricata. © Richard Cannon / Country Life

Il Burlington Arcade è stato istituito dalla nobiltà per la nobiltà. È l'antecedente al centro commerciale, anche se, avverte il capo Beadle, "alcuni elementi della società londinese ti cacceranno e ti faranno la piuma per averlo detto". Tutto in questo posto sembra Dickensian. Alcuni dei personaggi potrebbero essere andati via, ma lo spirito rimane.

Il crimine grave è ancora oggi una minaccia, con i 40 negozi del portico che riforniscono l'inventario del valore di molti, molti milioni. Alla fine del 1800, tuttavia, il "limone e lime" era onnipresente e i Beadles erano in costante battaglia contro nessuno dei due. Questo è il motivo per cui, fisicamente, il fischio è vietato dall'arcade - perché è stato usato come codice tra i borseggiatori.

Anche il clucking è vietato, dopo che le prostitute hanno affittato le stanze in alto e hanno usato il suono mentre agitavano fazzoletti rossi per attirare l'attenzione degli uomini sottostanti. Cantare o qualsiasi tipo di "allegria" - cioè ubriachezza - era ed è ancora un no-no definito. Ancora oggi, i Beadles considerano la loro responsabilità il mantenimento del decoro Regency.

“In occasione del 18 ° compleanno di sua figlia, è stato in grado di regalarle un paio di tacchi firmati da Manolo Blahnik. Non sorprende che non li abbia mai indossati. "

Molto occasionalmente, Beadles non è riuscito a soddisfare gli standard che applica. Negli anni '60, un Beadle di nome Jock fu costretto a stare in piedi nel mezzo del portico mentre aveva i bottoni dorati strappati dal suo gilet color chiaretto, perché si era alzato per lavoro in subbuglio.

Si è scoperto che un altro, George Smith, aveva preso i soldi dai louches travestiti Ernest Boulton e Frederick Park, chiudendo un occhio sulle loro attività più bohémien. Le rivelazioni del 1871 scioccarono l'alta società.

Un beadle al Burlington Arcade di Londra. © Alamy

Fino alla seconda guerra mondiale, i Beadles furono tutti distaccati dal decimo Royal Hussars, il reggimento del 1 ° conte di Burlington, che istituì il portico. Oggi, tre sono ex militari e un altro ha lavorato nell'antiterrorismo. In generale, i Beadles sono diventati un riflesso della capitale cosmopolita.

Il signor Lord, come puoi immaginare, conosce assolutamente tutti coloro che lavorano qui - e tutti quelli che li hanno preceduti. Se sei uno shopper ricorrente o fai una scorciatoia attraverso il porticato con regolarità, Beadles ti farà sempre sorridere.

Dopo avermi portato a fare un giro nei negozi e nelle cantine, dove i negozianti vittoriani cucinavano, confezionavano e confezionavano regali, il signor Lord ritorna alla sua base operativa per un'impresa di vitale importanza: essere attrezzato per un nuovo cappello con il corpo di goss. Evocando quello indossato da Oddjob, il cameriere di Auric Goldfinger, mi dice che sono progettati in modo da poter schiaffeggiare qualcuno con loro in faccia.

Il cappellaio di Cooper Stevens ha portato un conformatore dall'aspetto steampunk per prendere le misure. Il signor Lord sembra diffidente, come se potesse essere uno strumento vittoriano di tortura, nonostante senza dubbio passare alcuni cappelli durante i suoi 17 anni di servizio.

Burlington Arcade, Piccadilly. © Richard Cannon / Country Life

Considera i copricapo e i fili di Henry Poole come vantaggi e ce ne sono altri che vengono con il lavoro. In occasione del 18 ° compleanno di sua figlia, è stato in grado di regalarle un paio di tacchi firmati da Manolo Blahnik. Non sorprende che non li abbia mai indossati.

Un istinto per il linguaggio del corpo è lo strumento più vitale di Beadle. Sono sempre alla ricerca di qualcosa di sospetto. "Se vediamo qualcuno che sembra un ladro, gli facciamo un cenno con la testa e fa l'occhiolino e sa che è bruciato", condivide Lord. 'Una volta, un ragazzo è venuto di corsa [non ti è permesso di correre sotto il portico] e ha detto: "Mi dispiace, va bene venire attraverso">

Il negozio che la banda Jaguar ha fatto irruzione, numero 44, è ora Michael Rose Jewels e le sue finestre sono altrettanto occupate e costose. Fortunatamente, nel 1964, nessuno fu ferito, ma i ladri non furono mai catturati.

Il capo Beadle non pensa che lo avrebbero superato oggi. 'Posso abbattere un uomo con un braccio', dice e aspetta un battito. "E se ne avesse due?"


Una breve storia del Burlington Arcade

  • Fu costruito per ordine di George Cavendish, 1º conte di Burlington, che viveva al suo fianco a Burlington House. È stato stabilito come un luogo sicuro per sua moglie e i suoi coetanei per dedicarsi alla terapia al dettaglio, nonché per fermare le persone che gettano gusci di ostriche sul muro del giardino (le ostriche sono il fast food del giorno).
  • L'idea per il portico fu sollevata per la prima volta da Cavendish durante la Battaglia di Waterloo e molti dei 72 negozianti originali erano vedove di guerra. Le unità a due piani erano il dono di condoglianze di Cavendish.
  • Il pavimento in marmo ha una leggera inclinazione, quindi le donne non hanno avuto bisogno di alzare le gonne lunghe.
  • Hancocks, ai nn. 52 e 53, fa onore al più alto onore del paese, la Victoria Cross. Il bronzo, proveniente da antichi cannoni cinesi catturati dai russi nella guerra di Crimea, è custodito in una cassaforte nel seminterrato. Ne rimane abbastanza per altre 80 medaglie.
  • Mary Ann Evans, conosciuta anche come George Eliot, e il suo amato sposato George Henry Lewes si lasciavano l'un l'altro lettere d'amore tra le pagine della letteratura francese nel Jeff's Bookshop al n. 15.
  • Nel 1957, quando dirigeva The Prince and the Showgirl, Laurence Olivier bandiva Marilyn Monroe nell'Arcade di Burling per togliersela dai capelli.
  • Fred Astaire era un cliente abituale e una volta ballava lungo il portico con un paio di pantofole nuove di zecca.
  • Sbrigarsi, aprire gli ombrelli e cantare sono vietati. Ufficialmente, l'unica persona autorizzata a fischiare sotto i portici è Sir Paul McCartney. Apparentemente, anche a uno scolaretto cattivo è stato concesso il permesso nel 2011, ottenendo un certificato come premio per il miglioramento del suo comportamento a scuola.


Categoria:
20 delle più belle proprietà in vendita in tutta la Francia, come si vede in Country Life
Come acquistare una casa in cui puoi essere il tuo apicoltore