Principale architetturaCome una fucina del villaggio divenne l'affascinante casa di famiglia dell'architetto Hugh Petter

Come una fucina del villaggio divenne l'affascinante casa di famiglia dell'architetto Hugh Petter

Credito: Dylan Thomas

"Sono sempre contento quando qualcuno si trova di fronte a uno dei miei edifici e mi chiede cosa ho fatto." Hugh Petter racconta a Clive Aslet come ha cambiato casa sua.

Ivy Cottage, nel villaggio di Owslebury, nel Hampshire, a sud di Winchester, fu costruito nel 1732. In origine era la fucina del villaggio - un lungo e sottile edificio di mattoni rosso-arancio, con un tetto di tegole, a padiglione e semi-hipping alle estremità . Ad un certo punto nel 20 ° secolo, un giardino d'inverno era stato aggiunto al lato nord.

Quando Hugh Petter, di ADAM Architecture e sua moglie Chloe, lo acquistarono, i loro bambini piccoli, Charlotte e Harry, poterono dormire in soffitta. Entro il 2014, non potevano più alzarsi in piedi nelle loro camere da letto e Hugh si rese conto che bisognava fare qualcosa.

Questa è stata anche un'opportunità per rimuovere il giardino d'inverno - troppo caldo d'estate, troppo freddo d'inverno - e sostituirlo con una grande cucina. Questa estensione ripara sotto un tetto a due falde, con pareti appese con piastrelle. Sebbene il nuovo lavoro abbia solo pochi anni, sembra già che sia sempre stato lì. "Questo è l'effetto che mi piace ottenere nella mia architettura", spiega Hugh. "Sono sempre contento quando qualcuno si trova di fronte a uno dei miei edifici e mi chiede cosa ho fatto."

Sia Hugh che Chloe adoravano i mobili in stile georgiano e tra i predecessori di Hugh ci sono due pittori: James Leakey, che espose alla Royal Academy negli anni 1820, 1830 e 1840, e l'incisore di legno Josiah Wood Whymper, che era amico di Ruskin. Molte delle loro opere sono appese alle pareti.

Questi gusti tradizionali dovevano essere sposati con una cucina di famiglia, che non era un tipo di camera che esisteva prima della fine del 20 ° secolo. Il matrimonio è stato realizzato attraverso un artigianato esemplare, fornito dal costruttore RW Armstrong e dall'ebanista John Kirby di Dovetail. "Tutti vogliono una grande cucina di famiglia", commenta Hugh, "ed è molto più facile costruirne uno su un nuovo sito piuttosto che adattarlo a un edificio esistente."

Sopra la cucina sono due nuove camere da letto e bagni; le vecchie camere mansardate sono ora utilizzate solo quando la casa è altrimenti piena. All'esterno, è stato rimosso un muro di contenimento in mattoni e pietra focaia, che ha bloccato la vista dalla fine del giardino.

"Ora sembra che Ivy Cottage possieda metà della valle dell'Itchen."

Per ulteriori informazioni su ADAM Architecture, visitare www.adamarchitecture.com


Categoria:
Il modellista: "È stato il lavoro della mia vita - non cambierei nulla per il piacere che mi dà"
Norfolk House: il perduto palazzo londinese che fu raso al suolo, ricreato 80 anni dopo