Principale interniIn Focus: il ritratto di Picasso che ha rivelato al mondo la sua musa 22enne

In Focus: il ritratto di Picasso che ha rivelato al mondo la sua musa 22enne

Attestazione: Picasso, Pablo (1881-1973): Girl Before a Mirror (Boisgeloup, marzo 1932). New York, Museum of Modern Art (MoMA)

La prima mostra di sempre della Tate Modern incentrata esclusivamente su Picasso si concentra su un solo anno nella vita di questo straordinario e prolifico artista. Lilias Wigan sceglie uno dei momenti salienti.

Picasso, Pablo (1881-1973): Girl Before a Mirror (Boisgeloup, marzo 1932). © Museum of Modern Art, New York (MoMA) / www.scalarchives.com

Il 1932 fu un periodo cruciale per Pablo Picasso. Fu l'anno in cui la Galerie Georges Petit organizzò una retrospettiva del suo lavoro a Parigi. Sebbene Henri Matisse - il rivale di Picasso - avesse goduto della stessa esposizione l'anno prima, una rappresentazione così completa dell'opera di un artista era rara.

Più insolitamente, Picasso prese le redini dai suoi rivenditori, assunse il controllo sulla cura e poi boicottò l'apertura, preferendo invece andare al cinema.

Concentrandosi esclusivamente su questi dodici mesi, The EY Exhibition: Picasso 1932 - Love, Fame, Tragedy presenta la prima mostra personale dell'opera di Picasso che si terrà alla Tate Modern. Quasi tutte le opere furono create nel 1932, ad eccezione di una stanza, una parziale ricreazione della sua retrospettiva di Parigi. Dipinti, sculture e opere su carta sono organizzati in ordine cronologico, ogni sezione si concentra su un particolare mese o giù di lì.

Il più sorprendente è l'entità dell'output e della sperimentazione di Picasso in così poco tempo. Aveva appena compiuto cinquant'anni ed era già ampiamente considerato come uno dei più importanti artisti del XX secolo.

Il soggetto principale della mostra è la sua musa e amante, la 22enne Marie-Thérèse Walter, che si distingue per le sue caratteristiche di spicco nell'opera di Picasso. Questi ritratti hanno fornito la prima indicazione pubblica che una donna diversa da sua moglie Olga era entrata nella vita dell'artista. Ed è uno di questi, Girl before a Mirror, su cui ci stiamo concentrando qui.

Dipinto nel marzo del 1932, l'immagine ricorda il dipinto di Edouard Manet del 1877 sullo stesso soggetto. Nella complessa composizione di Picasso, una donna allunga la mano verso il suo riflesso e si confronta con una versione oscura e inquietante di se stessa.

A sinistra, il suo viso è diviso in due. Il suo profilo color lilla è aureo su un lato, il suo aspetto è calmo e ricorda la luna, mentre l'altro lato del suo viso diventa giallo e ha una trama ruvida, come un sole abbagliante. Il trucco pesante e carico suggerisce una crescente consapevolezza della sua sessualità.

Allo specchio, la faccia della figura cambia di nuovo. Sembra essere invecchiata; i suoi occhi sono infossati, le loro orbite sporgenti e il suo sguardo è intenso. La sua vanità potrebbe essere vista come un confronto con la sua stessa mortalità, ulteriormente suggerita dalla deformazione del suo corpo.

Il costume di Arlecchino - una figura comica con cui Picasso si identificava spesso - è ricordato nel colorato motivo a diamante dello sfondo, un'indicazione, forse, della silenziosa presenza di Picasso osservando la trasformazione fisica del suo amante.

Picasso descrisse la pittura come "solo un'altra forma di tenere un diario". Concentrandoci su un periodo di produttività così insolitamente concentrato, possiamo cogliere il suo stile in rapida evoluzione all'interno di una forma di diario visivo.

The EY Exhibition: Picasso 1932 - Love, Fame, Tragedy è in mostra alla Tate Modern di Londra fino al 9 settembre 2018


Categoria:
Una straordinaria cucina di campagna, che trae ispirazione dalla cucina tardo vittoriana di Lanhydrock, in Cornovaglia
Asparagi con briciole di pasta madre all'aglio e mandorle e carré di agnello harissa