Principale interniUn salotto e una cucina-camera familiare che mostrano ciò che è possibile combinare vecchio e nuovo

Un salotto e una cucina-camera familiare che mostrano ciò che è possibile combinare vecchio e nuovo

Chitcombe House, casa di Roderick e Lydia Wurfbain. Questa lunga stanza comprende la cucina e un soggiorno. Sono divisi da un tavolo da pranzo che si estende in una finestra di prua. Credito: Justin Paget / Country Life
  • Interni classici

Gli spazi abitativi e da pranzo di Chitcombe House nel Dorset offrono ogni tipo di lezione per creare una moderna casa di famiglia in sintonia con le grandi tradizioni architettoniche.

Sono passati dieci anni da quando l'architetto Stuart Martin, con sede nel Dorset, ha completato i piani iniziali seguendo un breve discorso che gli è stato dato da Roderick e Lydia Wurfbain: creare una casa moderna nella tradizione classica.

Ci vollero altri cinque anni per completare Chitcombe House, e la casa risultante, ispirata da artisti del calibro di Edwin Lutyens e Detmar Blow, è una casa che fonde vecchio e nuovo in un modo meraviglioso.

Come ha scritto Jeremy Mussons in Country Life a settembre 2017, 'Chitcombe House è progettata con un senso di adeguata solidità, attorno alla luce del passaggio della giornata, utilizzando il meglio dei materiali disponibili ed è, come dovrebbe essere una casa, buona per vivere e, di conseguenza, "bello da guardare". "

Il salotto di Chitcombe House. © Justin Paget / Country Life

Il salotto e la cucina / camera familiare sono entrambi esempi. Il primo ha un camino dettagliato con colonne doriche sporgenti per dare un senso di grandiosità - Martin ha progettato il camino personalmente.

Quest'ultimo, nel frattempo, è una vera area familiare, con cucina, spazio per mangiare e salotto tutto contenuto in una lunga stanza che riempie il lato orientale della casa. Questo ha una vista verso est, sud e nord. La sala da pranzo formale la incontra da un lato, mentre dall'altro si collega ai locali di servizio nell'ala a un piano, che fa parte del recinto del cortile d'ingresso.

Musson ha descritto gli elementi della casa come "audaci e giocosi", mentre lo stesso Martin spiega che voleva che la casa "crea un senso di scoperta, offrendo" un po 'di prosperità leggermente al di sopra di quello che ti aspetteresti di incontrare in un pettine del Dorset .'


Categoria:
Una "casa delle bambole" della vita reale del 17 ° secolo che è passata dall'essere abbordata e piena di marciume per diventare un'immagine di perfezione
In primo piano: lo straordinario ritratto di Leonessa Carrington di Max Ernst, il pioniere surrealista che ha ispirato Dalí