Principale architetturaDomande curiose: come si scatta una foto di gruppo in cui nessuno batte le palpebre?

Domande curiose: come si scatta una foto di gruppo in cui nessuno batte le palpebre?

Credito: Rex
  • Domande curiose
  • fotografia

È una verità universalmente riconosciuta che ogni volta che viene scattata una foto di gruppo, c'è sempre almeno qualcuno che riesce a scattare a occhi chiusi. Ma deve essere così "> indaga l'autore di" Fifty Curious Questions ".

Il lampeggiamento è una funzione naturale degli occhi che diffonde le lacrime e rimuove le sostanze irritanti dalla superficie della cornea e della congiuntiva. Per i perfezionisti tra di noi e per quelli con una mente indagatrice, le domande ovvie sono: è possibile ottenere una foto di gruppo senza che qualcuno ci sbatte le palpebre? e quanti scatti dovrai fare per essere sicuro di avere una foto con tutti gli occhi spalancati?

La risposta banale è solo una, a condizione che tu dia a ciascuno dei soggetti un paio di fiammiferi per sostenere i loro pigoli. Tuttavia, se si desidera una foto naturale, o almeno naturale come una foto di gruppo è probabile che sia, allora è necessario ricorrere ad alcune teorie matematiche e di probabilità.

Fortunatamente, qualcuno più intelligente di me ha rotto le sue cellule grigie per far luce su questo problema del Primo Mondo. Fai un passo avanti, il dott. Piers Barnes, un fisico dell'Organizzazione per la ricerca scientifica e industriale del Commonwealth.

Il punto di partenza è il battito di ciglia. Il numero medio di volte in cui una persona lampeggia quando viene fotografata è dieci e un lampeggio medio dura 250 millisecondi.

A differenza dello sbadiglio, in cui una persona può innescare una serie di sbadigli di copione tra gli astanti, non ci sono prove che una persona che sbatte le palpebre influenzi un'altra. Ogni battito di ciglia è un evento indipendente e quando abbiamo un gruppo di persone, ognuno dei loro battiti di ciglia sarà indipendente da tutti gli altri.

Le uniche occasioni in cui questo potrebbe non essere il caso è se il gruppo si trova in qualcosa come una tempesta di sabbia, ma ignoriamo questa inutile complicazione. Ogni battito di ciglia sarà anche casuale. Non si verificheranno tutti in modo uniforme ogni sei secondi.

Ora per la scienza. Respiri profondi a tutto tondo.

Con una buona luce interna, l'otturatore di una fotocamera rimane aperto per otto millisecondi, un periodo di tempo considerevolmente più breve della durata di un battito di ciglia. Quindi, dal punto di vista della teoria della probabilità, la possibilità che qualcuno sbatti le palpebre mentre viene scattata una foto è il numero atteso di lampeggi, che chiameremo x, moltiplicato per il periodo di tempo ( t ) durante il quale la foto potrebbe essere rovinata. Il reciproco, 1 / xt, è la probabilità che una persona non sbatta le palpebre mentre viene scattata una foto.

Seguendo questa logica, se hai un gruppo di persone in posa per una fotografia (indichiamo il numero con il simbolo n ), allora la probabilità di una buona foto di gruppo con nessuno che lampeggia sarebbe (1 - xt) n, e il il numero di foto necessarie per ottenere lo scatto perfetto sarà 1 / (1 - xt) n .

Con me finora ">

Tracciare la formula su un grafico mostra una distribuzione normale, che ti permetterà di calcolare il numero di scatti che ti serviranno per garantire, almeno statisticamente parlando, una foto perfetta per qualsiasi dimensione di gruppo.

Ciò significa che se c'è un gruppo di cinquanta o più, non c'è praticamente alcuna possibilità di una foto incontaminata. Ricorda che quando stai pianificando le tue foto di nozze.

Naturalmente, nel pieno del momento, anche il più intelligente dei fotografi potrebbe non essere in grado di fare i calcoli necessari. Per fortuna, Barnes ha sviluppato una regola empirica per fotografare gruppi di meno di venti persone.

Ed è estremamente semplice: in buona luce, dividi il numero di persone per tre e scatta tante foto per darti una discreta possibilità di averne uno con tutti gli occhi ben aperti - in altre parole, se hai un gruppo di 12, prendi almeno quattro foto. In condizioni di scarsa illuminazione, quando l'otturatore della fotocamera sarà aperto più a lungo, è necessario utilizzarne due come denominatore, ad esempio per un gruppo di 12, occorrerebbero sei immagini.

Quindi ora lo sappiamo. Ora per lavorare su alcuni degli altri problemi delle foto di gruppo ...

Martin Fone è autore di 'Fifty Curious Questions', da cui questo pezzo è un estratto: scopri di più sul suo libro o puoi ordinarne una copia tramite Amazon.


Categoria:
Le migliori storie di viaggio di Country Life del 2019: sciare a Gstaad, un treno a vapore a Dartmouth e 72 ore a New York
Profumi e sensibilità: le rose coltivate per un profumo antico in un magico giardino di Marrakech