Principale architetturaLe grandi stazioni ferroviarie della Gran Bretagna: eclettismo vittoriano, genio moderno e una vera opera d'arte

Le grandi stazioni ferroviarie della Gran Bretagna: eclettismo vittoriano, genio moderno e una vera opera d'arte

Credito: Alamy
  • Luoghi da visitare
  • La migliore storia

Simon Jenkins elogia le nostre stazioni ferroviarie più romantiche e architettonicamente significative, alcuni dei trionfi non celebrati della conservazione britannica.

La stazione ferroviaria più bella della Gran Bretagna si trova assonnata sulle rive del Clyde, guardando verso le isole scozzesi e l'Isola di Bute. È il capolinea di Wemyss Bay per il traghetto Rothesay, l'unica stazione che, secondo me, si qualifica come un'opera d'arte coerente.

Costruito dall'architetto di Glasgow James Miller nel 1903, i suoi alberi, le nervature e le volte spuntano da un mozzo centrale, come i supporti di una sala capitolare della cattedrale. Le piattaforme larghe si spostano in lontananza in scimitarre di acciaio e vetro. Un tempo affollata di amanti della vita a Glasgow, Wemyss Bay è ora un luogo tranquillo, restaurato sotto la cura di devoti "amici" locali, che curano i suoi fiori e ospitano una libreria e una sala da tè signorili.

Stazione ferroviaria di Wemyss Bay

Il recente rinascimento dell'architettura delle stazioni è uno dei trionfi non celebrati della conservazione britannica. Conosciamo il risveglio di treni e ferrovie. La rete centrale è in forte espansione e i tagli delle diramazioni del dott. Beeching sono un triste ricordo.

Tuttavia, le stazioni sono sembrate rovinate da un'immagine di abbandono e decrepitudine. Fino agli anni '80, la loro tristezza era radicata, alimentando la sensazione che una stazione "reale" doveva essere moderna e minimalista.

La marea è cambiata, in parte attraverso la privatizzazione, a metà strada tra la perdita della stazione Derby di Francis Thompson negli anni '80 e il restauro di Paddington negli anni '90. La British Rail fu ingannata nel suo tentativo di demolire St Pancras. Vasi di vernice e carpentieri soppiantarono i bulldozer.

Il Railway Heritage Trust è stato fondato nel 1984 e, nel 2003, Gordon Biddle ha pubblicato il suo grande diario di architettura ferroviaria. La società vittoriana in ascesa aveva da tempo glorificato chiese, palazzi e municipi. Ora, finalmente, sbirciò sotto la fuliggine e la sporcizia e trovò una Cenerentola dell'epoca.

"A poco a poco, è stato mostrato rispetto per l'elegante eclettismo della stazione vittoriana: Tudor a Bristol Temple Meads, Palladian a Hull e Huddersfield, castelli della Loira a Norwich e Slough, Hanseatic Gothic a Middlesbrough, clericale a Carlisle e Hereford e sul mare Italianate a Brighton"

Coloro che hanno assistito alla riapertura notturna di St Pancras nel novembre 2007 non dimenticheranno i rantoli di ammirazione da parte della regalità riunita e dei VIP politici e industriali mentre i riflettori brillavano sul potente capannone di Barlow. Ho notato che molti dei presenti erano stati in prima linea nella lotta per la sua demolizione.

Ora, all'improvviso, questa stazione simboleggiava la nuova era della ferrovia transcontinentale, accompagnata dal tetto a forma di cattedrale di Brunel a Paddington e altri a Liverpool Street, York e Newcastle.

Stazione ferroviaria di Bristol Temple Meads

A poco a poco, fu mostrato rispetto per l'elegante eclettismo della stazione vittoriana: Tudor a Bristol Temple Meads, Palladian a Hull e Huddersfield, castelli della Loira a Norwich e Slough, gotico anseatico a Middlesbrough, clericale a Carlisle e Hereford e mare italiano a Brighton. In nessun luogo la "battaglia degli stili" del XIX secolo è più esposta che nelle stazioni.

Gli ingegneri o gli architetti responsabili di questi edifici rimangono le incognite del design britannico. Il re delle ferrovie dello Yorkshire, George Hudson, fece in modo che il suo architetto interno, George Andrews, replicasse le ville venete attraverso il nord-est. La famiglia di ingegneri civili della Fox è passata dalla costruzione del Crystal Palace ai tetti a padiglione di Paddington e Bristol.

Middlesbrough Railway Station e Albert Bridge nei primi anni del 1900

Nel Kent e nel Surrey, Charles Driver e David Mocatta giocavano con varie forme di italianità, tanto che divenne noto come "stile ferroviario". Sancton Wood ha portato il suo bizzarro barocco a Stamford e Bury St Edmunds. Sir William Tite, uno dei pochi architetti ferroviari con una pratica più ampia, si esibì a Perth, Carlisle, Windsor ed Eton e persino a Eggesford nel Devon.

Trovo che siano le stazioni più piccole che riflettono questa varietà architettonica in modo molto accattivante. Gli architetti hanno faticato a rimandare alle loro località. La biglietteria sdolcinata di Battle nell'East Sussex fa eco all'abbazia locale. L'atrio delle vacanze di Tynemouth potrebbe essere pronto per un luna park.

I ferri botanici dai colori brillanti di Great Malvern si abbinano alle incisioni del fogliame del Southwell medievale. Aviemore potrebbe essere bloccato sul lato delle Alpi svizzere. Per quanto riguarda Windsor ed Eton, era chiaramente destinato a calmare la paura dei treni della regina Vittoria imitando una scatola di tiro del paese.

Altrettanto incoraggiante è il recente salvataggio delle poche stazioni risalenti al 20 ° secolo. Il noto Percy Culverhouse del Great Western aggiunse un padiglione in stile Art Deco a Paddington e progettò (o supervisionò) nuove stazioni per Cardiff, Aberystwyth e Leamington Spa. A Manchester, la stazione di Oxford Road era un'imitazione passeggera del contemporaneo Sydney Opera House. Troviamo un bel pastiche di Mies van der Rohe che brilla nel sobborgo di Newcastle di Jesmond.

Stazione ferroviaria di Oxford Road a Manchester

Il restauro delle stazioni di guerra inter-mondiale dei trasporti di Londra da parte di Charles Holden è stato onorato in quelli commissionati negli anni '90 da Denis Tunnicliffe per l'estensione della Jubilee Line.

Il maestoso Canary Wharf di Norman Foster, il Southwark di Richard McCormac e il Westminster di Michael Hopkins devono qualificarsi come il volto accettabile del brutalismo. Si classificano tra le migliori stazioni della metropolitana del mondo.

Stazione della metropolitana di Canary Wharf

Ci sono stati anche risvegli più peculiari. A poco a poco, i feriti a piedi dell'era del faggio sono stati riportati in vita dalla straordinaria "ferrovia alternativa", le cosiddette linee del patrimonio. Una mezza dozzina negli anni '70 si è trasformata in una sorprendente 108 linee operative private, esclusi i musei ferroviari, in ogni angolo della terra.

Grande stazione ferroviaria di Malvern

Questi dipendono quasi interamente dai servizi di circa 20.000 dipendenti non retribuiti e impegnati con passione di tutte le età e ceti sociali.

Si prendono cura di circa 440 stazioni con un'attenzione che fa vergognare la rete principale, come l'immacolato Sheffield Park sulla linea Bluebell e Porthmadog sul Ffestiniog. Paga qualcuno per pulire una stazione - o un motore - e potrebbe farlo bene. Chiedigli di farlo gratuitamente e sarà immacolato.

Stazione ferroviaria di Ffestiniog, Blaenau Ffestiniog, Snowdonia, Galles del nord

Torno a Wemyss Bay. Se il suo interno ha la qualità di una sala capitolare, l'esterno incarna l'eccentricità stilistica della costruzione ferroviaria nel corso dei decenni. Sfida la categorizzazione. Possiamo discernere uno chalet svizzero e un'estancia coloniale spagnola, una villa Queen Anne e dettagli in stile Liberty. Ha il brio generale di una passerella sulla spiaggia americana.

I fiori di Wemyss Bay sono gloriosi quanto la sua vernice è sottile - in caledonian 'caley broon and anatra's fit' (marrone e cannella). Camminare nell'atrio deserto è la statua di un bambino, intenzionalmente in vacanza e con in mano una barca. Ragazzo fortunato.

Le "100 migliori stazioni ferroviarie della Gran Bretagna" di Simon Jenkins sono pubblicate da Viking (£ 25)


Categoria:
Diamo un'occhiata al Norfolk terrier, il cane che non può fare a meno di tirarti su il morale
Alan Titchmarsh: Le mie galline sono sceme, stupide, egoiste e prepotenti - ma non sarei senza di loro